Pubblicato il 22. Ottobre 2019

Non di sole competenze vive l’uomo: l’importanza delle soft skills nell’ambiente di lavoro

Se l’avanzamento tecnologico e la nascita costante di nuove figure professionali in ambito IT ha portato la concorrenza a livelli sempre più alti e fatto crescere la specializzazione dei candidati, quello che emerge dal mondo del lavoro è la sempre maggiore attenzione che le aziende riservano alle soft skills.
Vera e propria discriminante nella valutazione di candidati con una marcia in più, le soft skills sono quelle caratteristiche che, se possedute dal personale interno a ogni livello, permettono a un’azienda di essere davvero competitiva sul mercato, affiancando l’importanza del saper essere a quella del saper fare.

Ma cosa sono le soft skills?

Le soft skills, o competenze trasversali, sono tutte quelle inclinazioni personali che prescindono le competenze professionali, le hard skills, e riguardano le doti relazionali, l’atteggiamento in ambito lavorativo e la conoscenza di sè.
Possono anche essere divise in interne ed esterne: le prime riguardano il modo in cui ognuno di noi percepisce se stesso, mentre le seconde si riferiscono al modo in cui una persona si inserisce in un contesto sociale e interagisce con gli altri.
Difficili da valutare, quantificare e misurare, le soft skills rappresentano soprattutto capacità innate, ma possono essere comunque acquisite o potenziate con corsi di formazione ad hoc, mettendo in pratica piccole misure quotidiane o più “semplicemente” imitando chi quelle doti le ha particolarmente spiccate.

Secondo uno studio dello Stanford Research Institute International, il 75% del successo di un lavoro a lungo termine dipende dalla padronanza delle soft skills contro il 25% delle competenze tecniche.

Quali sono le soft skill più importanti?

Il WEF, World Economic Forum, ha indicato le 10 soft skills che saranno più richieste a partire dal 2020:

1. Capacità di problem solving in situazioni di stress, con atteggiamente sempre positivo
2. Pensiero critico, inteso come capacità di interpretare e vagliare l’importanza delle informazioni
3. Creatività
4. Gestione delle persone, di un team, motivandone i membri
5. Capacità di lavorare in gruppo
6. Inteligenza emotiva, ossia la capacità empatica di riconoscere, capire e interpretare le emozioni altrui
7. Decision making, intesa come la forza di decidere in automonia dopo aver ascoltato tutti
8. Collaborazione e orientamento al servizio
9. Negoziazione, per creare benessere economico e relazionale
10. Flessibilità e capacità di adattarsi ai cambiamenti

Secondo un’idagine condotta da LinkedIn su 5000 professionisti nel mondo delle risorse umane e dei manager, tra le tendenze che influenzeranno il mondo del lavoro all’interno delle aziende nei prossimi anni, le soft skills saranno determinanti per il 91% degli intervistati, seguite da flessibilità lavorativa (72%), cultura anti-molestie (71%) e trasparenza retributiva (53%).
È facile intuire quindi che includere nel proprio curriculum le soft skill è ormai fondamentale: sono infatti le competenze trasversali, applicabili a qualsiasi lavoro o ambiente, che permettono a chi ambisce a ruoli di middle e top management di dare un nuovo slancio alla propria carriera.

— — —
Per rimanere sempre aggiornato sulle novità nel mondo del lavoro e trovare spunti interessanti per la tua carriera, leggi gli articoli del nostro blog e seguici sulla pagina LinkedIn, per scoprire tutte le posizione lavorative aperte!

La tua opinione su questo articolo
Grazie mille!
Si è verificato un errore
Alla nostra pagina ricerca di lavoro